5$?!

La brutta cosa della settimana di guardia è che si lavora anche di domenica (ma sabato prossimo starò a casa per recuperare). Oggi quindi ero a lavoro come al solito, ma con gran tranquillità perché non c’era quasi nessuno. Tra fine settimana e ammalati siamo stati decimati… Spero di non prendermi anch’io la febbre vomitosa che sta facendo il giro da queste parti.

Sono comunque stanco dalla settimana di lavoro, perciò stasera me ne rimango tranquillo vicino alla stufa. C’è di buono che Tommaso (potete seguirlo qui https://www.instagram.com/woodcheaps/) mi ha passato il link di alcuni video interessanti su Youtube e me li sto guardando da qualche ora. Eccone uno che a mia volta consiglio:

Poi certo, ti viene il nervoso quando in questi video ti dicono che puoi comprare una pialla n.5 o n.4 per meno di 5$ al mercatino delle pulci… Qui quella roba è considerata “vintage” e ti chiedono dieci volte tanto di solito.

Un giorno andremo tutti insieme a fare razzia negli Stati Uniti, è l’unica soluzione possibile. E già che ci siamo prendiamo anche qualche altra robetta…

Goizean

Si capisce che c’è brutto tempo quando alle nove meno cinque ci sono solo due persone in cantiere (e una di queste sono io che abito qua). È vero che di sabato c’è meno gente al lavoro, ma forse il vento a non so quanti nodi che alza onde sul sentiero per Albaola contribuisce al ritardo degli altri…

Pioggia: Sì.

Ostia

Lavorare con dei carpentieri permette di venire facilmente in contatto col vernacolo locale. Mentre ancora non distinguo le imprecazioni basche dai complimenti, il castigliano è molto più facile da comprendere, e divertente.

*Disclaimer: questo articolo contiene parole che forse al vostro amico spagnolo potrebbe non fare piacere sentire*

La parola più usata è senza dubbio joder, che viene declinata in ogni sua forma (no me jodas va molto, ma l’infinito semplice resta un classico).

Al secondo posto, ma primo nei nostri pur sempre un po’ veneti cuori, c’è il bellissimo ostia. Pronunciato con severità e sentimento vale più di mille parole. Quando qualcosa es la ostia significa che è una figata. Mi domando perché a San  Sebastián ancora non vendono le magliette con scritto “Donostia es la ostia“. Devo registrare il marchio, così divento ricco…

Terzo posto, ma solamente perché più complesso e perciò meno immediato nell’utilizzo, per la frase me cago en <la qualsiasi> (il più strano che abbia sentito è me cago en la leche, “nel latte”).
Ovviamente esiste la possibilità di combinare le tre a piacimento, come per l’onnipresente me cago en la ostia.

Ma nulla ti aiuta a piallare un pezzo di legno o piantare un chiodo come si deve quanto un me cago en dios ben scandito. Certi lo usano come un vero e proprio intercalare, forse i Paesi Baschi sono il Veneto di Spagna? Una ulteriore prova a favore di questo è che la criptobestemmia usata per sostituire ostia è ostras, che significa propriamente “ostriche”. Praticamente il celeberrimo ostregheta.

Pioggia: Sì.

Watch week

La settimana di guardia è richiesta a tutti gli studenti dell’Aprendiztegi. A turno, tutti saltano una settimana di lavoro per stare dietro all’ordinaria (o anche straordinaria) manutenzione del cantiere.

Il posto è davvero enorme, perciò c’è sempre qualcosa da fare. Ieri, per esempio, abbiamo tra le altre cose sistemato una finestra (che mancava proprio) e fatto legna per la salvifica stufa della cucina.

La cosa bella è stata che c’era da togliere un termosifone elettrico da una parte inutilizzata del dormitorio, perciò ho chiesto di potermelo mettere nella parte dove sto io, piuttosto fredda.
Ieri notte non ho avuto freddo, evviva!

Oggi invece ci siamo messi a ritagliare una porta in un portone gigante e pesantissimo che apriamo e chiudiamo mille volte al giorno, perché collega il taller, dove lavoriamo noi, ai macchinari (nonché ai bagni e alla cucina).

La nuova porta di dimensioni umane eviterà di dover aprire ogni volta quell’immenso portone scorrevole (ho già detto che è pesantissimo?). Inutile dire che è stata subito soprannominata la porta Imaginarium, per ovvi motivi.

Pluviometro

Siccome oggi piove di nuovo, ieri pioveva e via dicendo, ho deciso che da oggi ogni volta che pubblico un nuovo post aggiungo in fondo un indicatore di pioggia. Qualcosa tipo così:

Pioggia: Sì.

Aperol

Anche nella pratica confezione con spumante Cinzano, altrimenti noto come pro-spritz

Qui lo spritz non sanno cosa sia (ho chiesto), ma l’Aperol costa meno che a Venezia e nel Veneto in generale.

Ho dimenticato di controllare se anche qui come in Germania la gradazione alcoolica è maggiore.

Ekaitza

Dormo ancora alla scuola, di stanze a poco non ho notizia e inizio a pensare che forse conviene iniziare a cercare direttamente una doppia per quest’estate quando mi raggiungerà Rita.

Fatto sta che stasera ero come al solito in cucina, unico posto veramente caldo di Albaola grazie a una stufa a legna (di legna qua ce n’è parecchia), quando alla porta a vetri fa capolino un passeggino. Cosa ci faccia un neonato in passeggino in un cantiere navale chiuso alle otto di sera (ovvero quando già è buio) lo capisco non appena vedo chi c’è attaccato: Brian, il nostro maestro maestro-d’ascia, che ha portato a passeggio il pupo che non voleva saperne di starsene cheto (che bella parola è “cheto”?).

Grazie “hijo de Miguel Panadero n.4” che hai fatto questa stufa

Abbiamo parlato di com’è stare da soli qua di notte e in effetti è piacevole quando non c’è bufera come la scorsa settimana… Oggi ho visto che avevano perfino sbarrato con delle assi uno degli ingressi laterali dell’edificio, stile tornado americano. E io tranquillo a dormire al piano di sopra.

Ad ogni modo, mi ha raccontato Brian di quando lui è stato qui con sua moglie e ancora non avevano rifatto il sentiero che arriva fin qua: era molto più basso e capitava che le onde ci si infrangessero contro. Una volta la polizia aveva sbarrato la strada e li ha portati fin qui in macchina pur di non farli andare a piedi, per il rischio che finissero in acqua a causa di un’onda improvvisa.

E io che ero qua a ridere delle transenne con scritto “Alerta roja”.

Euskaltegi

A Trintxerpe (Trincherpe in castigliano), ovvero il paese attaccato a San Pedro sulla strada per Donosti, c’è l’euskaltegi di Pasaia.

Udal significa “comunale”

Le euskaltegiak sono scuole di basco per adulti (da euskara, o euskera + suffisso -tegi che indica luoghi). L’obiettivo ultimo di chi le frequenta è ottenere l’agognata EGA, Euskararen Gaitasun Agiria, ovvero la certificazione C1 di basco.

Ne esistono sia di pubbliche che di private, questa in particolare è pubblica e perciò praticamente gratuita. Già ci vanno alcuni dei miei colleghi di Albaola, perciò oggi sono andato a iscrivermi. Tempo due settimane e capiscono se ci sono abbastanza nuove persone per far partire un’altra classe, altrimenti mi inseriscono in una di quelle partite a settembre (aiuto).

A quanto pare esistono persino delle parodie su internet:

Quando lo capisco vi dico se fa davvero ridere o meno